associazione antigone-osservatorio sulla ndrangheta

Rappresentante legale: antonia bellocchio

Categoria: sociale | Nov 12, 2019



Descrizione breve: Potenzieremo il centro aggregativo acquistando nuove attrezzature, diversificando maggiormente l’offerta formativa e permettendo ad ogni ragazzo di sperimentare nuovi linguaggi espressivi; investiremo sulla formazione permanente dei volontari che operano all’interno del centro aggregativo.



Il tuo sostegno è importante per la tutela del nostro patrimonio.
Con il tuo voto darai la possibilità a questo progetto di accumulare voti e di concorrere all'assegnazione della donazione.

3 voti raggiunti

Descrizione completa: Intorno alla fine degli anni ottanta Croce Valanidi (quartiere di Reggio Calabria) è stato uno dei campi di battaglia della seconda guerra di ndrangheta, che contò 700 morti ammazzati. La presenza così forte della criminalità organizzata ha reso difficile lo sviluppo culturale e ancora ostacola la crescita dei ragazzi che restano nel territorio. Dal 2009, in una villa confiscata di questo quartiere, ci impegniamo per costruire qualcosa di bello. Ci chiamiamo “Antigone-Osservatorio sulla ndrangheta” e siamo un’associazione che vuole costruire un pensiero alternativo alla cultura e alla mentalità mafiosa. Siamo convinti che la libertà sia la conquista più grande che un individuo e una comunità possano raggiungere e vogliamo farlo attraverso cultura, arte e bellezza: mezzi potenti per raggiungere una maggiore e rinnovata consapevolezza nelle potenzialità del cambiamento. È soprattutto ai giovani e ai ragazzi che rivolgiamo il nostro impegno per aiutarli a crescere con un rinnovato senso del rispetto, della cultura, della giustizia. Il progetto “Cultura libera tutti” prende il nome dal noto gioco per bambini “Nascondino”: Rimanere nascosti finché il grido “tana libera tutti” di un coraggioso non permette a tutti i partecipanti di uscire allo scoperto. Un gioco di strada che ha il sapore della metafora della vita in questo territorio, che non ti permette di diventare ciò che vorresti, di uscire allo scoperto, di esprimere te stesso. Ma nella vita è la cultura a liberare tutti, dalle logiche dell'oppressione psicologica e dalla paura. La strada, quindi, metafora della vita, è anche il palcoscenico che l'Associazione ha scelto per il suo centro di arti performative: I bambini e i ragazzi vengono coinvolti in laboratori di arte di strada (giocoleria, trampoli, teatro di strada, musica, clownerie, brakdance, pakour) curati da maestri e professionisti che li accompagnano nel percorso di crescita personale, umano e artistico.

http://www.osservatoriosullandrangheta.org

Condividi il progetto sui tuoi social