candida

Rappresentante legale: ernesto bamboni

Categoria: sociale | Sep 14, 2019



Descrizione breve: Il progetto si delinenea come un'attività Il laboratorio per la preparazione dello spettacolo di cui sopra si realizzerà in orario scolastico a partire da gennaio. Potranno essere coinvolti tutti gli alunni dell’Istituto; rispetto al numero degli attori richiesti (20/30) gli alunni saranno scelti in relazione all’interesse, alle esperienze pregresse, alle particolari inclinazioni e predisposizioni o in base al valore formativo che l’attività teatrale può rappresentare per quel singolo allievo. Gli alunni disabili che parteciperanno saranno accompagnati dalla Docente di Sostegno in servizio. Il laboratorio si svolgerà con cadenza settimanale: 1 ora all’inizio, 2 (o di più) in prossimità della rappresentazione. Gli alunni saranno anche impegnati (per circa due ore) in occasione dei sabati calendarizzati per i rientri, visto che in queste occasioni sono previsti i laboratori con gli operatori dell’Associazione. In prossimità della rappresentazione gli alunni faranno le prove nei luoghi dove si svolgerà lo spettacolo (il centro storico di Bastia) e vi si recheranno accompagnati dalla Sottoscritta e da un’altra collega in servizio. Il giorno e l’ora del laboratorio non sono fissi ma cambieranno in modo da non interessare sempre le stesse discipline. Gli alunni non saranno prelevati dalla classe in occasione di verifiche orali o scritte e comunque sempre previo accordo con l’insegnate della materia in servizio: sarà predisposto un calendario da sottoporre alle colleghe delle materie coinvolte. Nella parte iniziale, visto che ogni alunno dovrà imparare le proprie battute, i ragazzi saranno impegnati per un tempo inferiore ai 30 minuti, quello necessario a provare la propria parte insieme al piccolo gruppo di attori che compongono il quadro, in questo modo non perderanno interamente l’ora di lezione. Terminata la prova gli alunni saranno riaccompagnati nelle rispettive classi e subentreranno altri alunni coinvolti nel quadro successivo secondo le medesime modalità. La docente si organizzerà in modo da limitare le ore effettuate fuori dall’orario di servizio (le due ore saranno prese dalle due classi dove la docente è in servizio), in ogni caso, comunque, sarà inevitabile dover effettuare alcune ore in più che saranno documentate e per le quali si potrebbe prevedere un riconoscimento “una tantum”, cioè non effettivamente corrispondente alle ore svolte ma come riconoscimento “forfettario e simbolico”.



Il tuo sostegno è importante per la tutela del nostro patrimonio.
Con il tuo voto darai la possibilità a questo progetto di accumulare voti e di concorrere all'assegnazione della donazione.

0 voti raggiunti

Descrizione completa: Il laboratorio per la preparazione dello spettacolo di cui sopra si realizzerà in orario scolastico a partire da gennaio. Potranno essere coinvolti tutti gli alunni dell’Istituto; rispetto al numero degli attori richiesti (20/30) gli alunni saranno scelti in relazione all’interesse, alle esperienze pregresse, alle particolari inclinazioni e predisposizioni o in base al valore formativo che l’attività teatrale può rappresentare per quel singolo allievo. Gli alunni disabili che parteciperanno saranno accompagnati dalla Docente di Sostegno in servizio. Il laboratorio si svolgerà con cadenza settimanale: 1 ora all’inizio, 2 (o di più) in prossimità della rappresentazione. Gli alunni saranno anche impegnati (per circa due ore) in occasione dei sabati calendarizzati per i rientri, visto che in queste occasioni sono previsti i laboratori con gli operatori dell’Associazione. In prossimità della rappresentazione gli alunni faranno le prove nei luoghi dove si svolgerà lo spettacolo (il centro storico di Bastia) e vi si recheranno accompagnati dalla Sottoscritta e da un’altra collega in servizio. Il giorno e l’ora del laboratorio non sono fissi ma cambieranno in modo da non interessare sempre le stesse discipline. Gli alunni non saranno prelevati dalla classe in occasione di verifiche orali o scritte e comunque sempre previo accordo con l’insegnate della materia in servizio: sarà predisposto un calendario da sottoporre alle colleghe delle materie coinvolte. Nella parte iniziale, visto che ogni alunno dovrà imparare le proprie battute, i ragazzi saranno impegnati per un tempo inferiore ai 30 minuti, quello necessario a provare la propria parte insieme al piccolo gruppo di attori che compongono il quadro, in questo modo non perderanno interamente l’ora di lezione. Terminata la prova gli alunni saranno riaccompagnati nelle rispettive classi e subentreranno altri alunni coinvolti nel quadro successivo secondo le medesime modalità. La docente si organizzerà in modo da limitare le ore effettuate fuori dall’orario di servizio (le due ore saranno prese dalle due classi dove la docente è in servizio), in ogni caso, comunque, sarà inevitabile dover effettuare alcune ore in più che saranno documentate e per le quali si potrebbe prevedere un riconoscimento “una tantum”, cioè non effettivamente corrispondente alle ore svolte ma come riconoscimento “forfettario e simbolico”. Il laboratorio per la preparazione dello spettacolo di cui sopra si realizzerà in orario scolastico a partire da gennaio. Potranno essere coinvolti tutti gli alunni dell’Istituto; rispetto al numero degli attori richiesti (20/30) gli alunni saranno scelti in relazione all’interesse, alle esperienze pregresse, alle particolari inclinazioni e predisposizioni o in base al valore formativo che l’attività teatrale può rappresentare per quel singolo allievo. Gli alunni disabili che parteciperanno saranno accompagnati dalla Docente di Sostegno in servizio. Il laboratorio si svolgerà con cadenza settimanale: 1 ora all’inizio, 2 (o di più) in prossimità della rappresentazione. Gli alunni saranno anche impegnati (per circa due ore) in occasione dei sabati calendarizzati per i rientri, visto che in queste occasioni sono previsti i laboratori con gli operatori dell’Associazione. In prossimità della rappresentazione gli alunni faranno le prove nei luoghi dove si svolgerà lo spettacolo (il centro storico di Bastia) e vi si recheranno accompagnati dalla Sottoscritta e da un’altra collega in servizio. Il giorno e l’ora del laboratorio non sono fissi ma cambieranno in modo da non interessare sempre le stesse discipline. Gli alunni non saranno prelevati dalla classe in occasione di verifiche orali o scritte e comunque sempre previo accordo con l’insegnate della materia in servizio: sarà predisposto un calendario da sottoporre alle colleghe delle materie coinvolte. Nella parte iniziale, visto che ogni alunno dovrà imparare le proprie battute, i ragazzi saranno impegnati per un tempo inferiore ai 30 minuti, quello necessario a provare la propria parte insieme al piccolo gruppo di attori che compongono il quadro, in questo modo non perderanno interamente l’ora di lezione. Terminata la prova gli alunni saranno riaccompagnati nelle rispettive classi e subentreranno altri alunni coinvolti nel quadro successivo secondo le medesime modalità. La docente si organizzerà in modo da limitare le ore effettuate fuori dall’orario di servizio (le due ore saranno prese dalle due classi dove la docente è in servizio), in ogni caso, comunque, sarà inevitabile dover effettuare alcune ore in più che saranno documentate e per le quali si potrebbe prevedere un riconoscimento “una tantum”, cioè non effettivamente corrispondente alle ore svolte ma come riconoscimento “forfettario e simbolico”.Il laboratorio per la preparazione dello spettacolo di cui sopra si realizzerà in orario scolastico a partire da gennaio. Potranno essere coinvolti tutti gli alunni dell’Istituto; rispetto al numero degli attori richiesti (20/30) gli alunni saranno scelti in relazione all’interesse, alle esperienze pregresse, alle particolari inclinazioni e predisposizioni o in base al valore formativo che l’attività teatrale può rappresentare per quel singolo allievo. Gli alunni disabili che parteciperanno saranno accompagnati dalla Docente di Sostegno in servizio. Il laboratorio si svolgerà con cadenza settimanale: 1 ora all’inizio, 2 (o di più) in prossimità della rappresentazione. Gli alunni saranno anche impegnati (per circa due ore) in occasione dei sabati calendarizzati per i rientri, visto che in queste occasioni sono previsti i laboratori con gli operatori dell’Associazione. In prossimità della rappresentazione gli alunni faranno le prove nei luoghi dove si svolgerà lo spettacolo (il centro storico di Bastia) e vi si recheranno accompagnati dalla Sottoscritta e da un’altra collega in servizio. Il giorno e l’ora del laboratorio non sono fissi ma cambieranno in modo da non interessare sempre le stesse discipline. Gli alunni non saranno prelevati dalla classe in occasione di verifiche orali o scritte e comunque sempre previo accordo con l’insegnate della materia in servizio: sarà predisposto un calendario da sottoporre alle colleghe delle materie coinvolte. Nella parte iniziale, visto che ogni alunno dovrà imparare le proprie battute, i ragazzi saranno impegnati per un tempo inferiore ai 30 minuti, quello necessario a provare la propria parte insieme al piccolo gruppo di attori che compongono il quadro, in questo modo non perderanno interamente l’ora di lezione. Terminata la prova gli alunni saranno riaccompagnati nelle rispettive classi e subentreranno altri alunni coinvolti nel quadro successivo secondo le medesime modalità. La docente si organizzerà in modo da limitare le ore effettuate fuori dall’orario di servizio (le due ore saranno prese dalle due classi dove la docente è in servizio), in ogni caso, comunque, sarà inevitabile dover effettuare alcune ore in più che saranno documentate e per le quali si potrebbe prevedere un riconoscimento “una tantum”, cioè non effettivamente corrispondente alle ore svolte ma come riconoscimento “forfettario e simbolico”.

http://www.ryan.it

Condividi il progetto sui tuoi social