G-Pro (Giovani Pro)

Rappresentante legale: Daniele Manni

Categoria: sociale | Nov 29, 2018

Descrizione breve: “MABASTA” (acronimo di “Movimento Anti Bullismo Animato da Studenti Adolescenti), è la prima organizzazione in Italia che ha come mission il contrasto “dal basso”, dagli studenti stessi, al bullismo e al cyberbullismo. Il nostro neonato “Modello Mabasta” è un originale protocollo di azioni che ogni classe e scuola può liberamente adottare.

IL TUO SOSTEGNO È IMPORTANTE

con il tuo voto darai la possibilità a questo progetto di crescere


0 voti raggiunti

Descrizione completa: Il problema sociale di cui si occupa “Mabasta” è molto specifico: i pessimi fenomeni di bullismo e di cyberbullismo in età scolastica (6 – 18 anni). Tutte i sondaggi riportano che i fenomeni sono purtroppo in crescita e, pertanto, si può dedurre che tutte le azioni ed i progetti ideati dagli “adulti” negli ultimi venti anni non sono assolutamente riusciti ad arginare il problema. “Mabasta” (ed il relativo Modello) intende operare “dal basso”, rivolgendosi e coinvolgendo direttamente gli studenti. È nato ad opera degli alunni di una classe dell’Ist. “Galilei-Costa” di Lecce e, in poco tempo, è riuscito ad essere molto conosciuto in tutta Italia grazie alla partecipazione a Sanremo 2017, alla medaglia di “Alfiere della Repubblica” da parte del Presidente Mattarella, alla partnership con “Spiderman Homecoming” e a numerosissimi articoli sui media nazionali. Il “Modello Mabasta” punta a creare delle “Classi Debullizzate” e prevede le seguenti cinque azioni: 1) Introduzione e nomina in classe delle figure di “Bulliziotti” e “Bulliziotte”, alunni e alunne della classe che hanno il compito di tenere occhi e orecchie aperte e di tentare di spegnere ogni azione di bullismo sul nascere; 2) Compilazione del “MabaTest”, un originale questionario concepito per comprendere se vi sono già in atto episodi di bullismo e/o cyberbullismo; 3) Installazione a scuola della “Bullibox”, una speciale urna posizionata in maniera strategica atta ad accogliere segnalazioni di episodi di bullismo da parte delle vittime e degli “spettatori”, anche in forma anonima; 4) Attivazione sul sito di Mabasta del “DAD – Digital Antibullying Desk”, la versione digitale della Bullibox, un centro di ascolto a cui chiunque può inviare segnalazioni tramite smartphone, tablet e pc; 5) Assegnazione dell’incarico di “Referente del bullismo” ad un docente di ogni classe, verosimilmente il coordinatore di classe. Oggi esiste la figura di un referente unico per tutta la scuola.

http://www.mabasta.org

CONDIVIDI IL PROGETTO SUI TUOI SOCIAL