Famiglie arcobaleno

Rappresentante legale: marilena grassadonia

Categoria: sociale | May 28, 2018

Descrizione breve: presentiamo il progetto editoriale “Piccolo uovo è…” della casa editrice Lo Stampatello. Cerchiamo un contributo per portare avanti il progetto, già in parte sostenuto dal Comune di Milano. si tratta di una collana di cartonati per piccolissimi, scritti da Francesca Pardi e illustrati da Altan, tesa a promuovere, a scuola e in famiglia, benessere psicologico e relazionale, l’unica vera ricetta per la prevenzione al bullismo e alla violenza di genere.

IL TUO SOSTEGNO È IMPORTANTE

con il tuo voto darai la possibilità a questo progetto di crescere


9 voti raggiunti

Descrizione completa: cerchiamo il contributo per continuare la pubblicazione dei 10 cartonati "Piccolo Uovo è..." di cui sono già in libreria i primi 4 testi, usciti con il contributo del comune di Milano. Si tratta di UNA COLLANA DI CARTONATI PER PICCOLISSIMI, SCRITTI DA FRANCESCA PARDI E ILLUSTRATI DA ALTAN, TESA A PROMUOVERE, A SCUOLA E IN FAMIGLIA, BENESSERE PSICOLOGICO E RELAZIONALE, L’UNICA VERA RICETTA PER LA PREVENZIONE AL BULLISMO E ALLA VIOLENZA DI GENERE. Attraverso la lettura dei racconti e attraverso giochi di ruolo e narrazioni, gli animali ci permetteranno di mantenere viva nei bambini l’integrazione e la valorizzazione di tutte le caratteristiche che rappresentano. Per i bambini è facile cogliere negli animali scelti l’essenza di queste caratteristiche, si tratta di animali/simbolo presenti da sempre nelle culture popolari di diversi paesi e in cui è molto facile identificarsi. I brevi racconti mostrano in modo semplice, in stampatello, come ognuno di questi aspetti si può manifestare in modo positivo oppure negativo, e come ognuno ha un ruolo fondamentale nella costruzione della nostra personalità: come si dice, è l’unione che fa la forza. La presenza di piccolo uovo, il “bambino non nato” che può essere ancora tutto e che si rispecchia di volta in volta in ogni animale, non solo supporta il meccanismo di identificazione, ma aiuta a capire che tutte le caratteristiche rappresentate dagli animali convivono dentro di noi: non siamo, insomma, solo leone o tartaruga, ma saremo a volte leone e a volte tartaruga, a seconda della situazione. Inoltre i racconti sottolineano il valore della collaborazione e del rapporto con gli altri nella ricerca di comportamenti adeguati, e propongono il superamento di modelli maschili e femminili stereotipati: non a caso il leone è una leonessa e la tartaruga è un maschio. Collaborazione e integrazione, piuttosto che competizione ed esclusione, sono la cifra del benessere sociale, una collaborazione e una integrazione che non riguarda solo la vita della classe – del gruppo – ma anche la vita interiore di ogni individuo, le emozioni, ciò che vive dentro il bambino. Si propone un modello educativo in cui si integrano e si valorizzano tra loro non solo i singoli individui, ma anche i diversi aspetti della personalità di ciascuno, tutti necessari all’armonia dell’insieme. Le dinamiche del bullismo sono dinamiche di gruppo, che hanno le loro radici nei primi anni dello sviluppo; succede che alcuni aspetti della personalità diventino delle etichette che ci portiamo dietro per tutta la vita. C’è il prepotente, c’è la vittima e c’è l’indifferente, e quando incarniamo uno di questi ruoli spesso non riusciamo più a liberarcene; non riusciamo più a recuperare tutto il resto che abbiamo perso per strada. In questo quadro si iscrivono anche i presupposti che conducono, più avanti nello sviluppo, alla violenza di genere. Il comportamento sessista e le sue derive violente, che pervadono la nostra società, sono parenti strette del bullismo, legate alle stesse dinamiche, spesso supportate da un’educazione basata su ruoli stereotipati e sul fatto che determinati comportamenti (e di conseguenza certe emozioni) siano legittimabili solo nei maschi e altri solo nelle femmine. Non ci sono bambini bravi e bambini cattivi, ma solo bambini sereni e bambini sofferenti. Bambini che riescono a gestire e tenere insieme le proprie emozioni, e bambini che non riescono a farlo. Quello che dobbiamo insegnare loro è a valorizzare tutti gli aspetti della personalità (e non soltanto alcuni) e a trovare l’espressione più adeguata di ognuno di questi aspetti: a volte saranno falco e a volte castoro, ma c’è sempre un modo positivo di essere falco o castoro. Avere una competenza sociale adeguata significa imparare a saper calibrare ogni caratteristica a seconda della situazione.

http://lostampatello.it/bullismo/

CONDIVIDI IL PROGETTO SUI TUOI SOCIAL