associazione etesia

Rappresentante legale: antonio d'ambrosio

Categoria: sociale | Oct 2, 2018

Descrizione breve: l’obiettivo sarà di infondere negli studenti un senso di responsabilità per un corretto uso della rete e dei social fornendo un’informazione\formazione per la prevenzione dei disagi giovanili. Prevenire ogni forma di violenza dentro e fuori la scuola. Si intende promuovere e rafforzare la consapevolezza che la legalità è il pilastro della convivenza civile e le diverse educazioni non sono comportamenti stagni che non comunicano tra di loro, ma ambiti, sfere, aspetti di una realtà unica che abbraccia la vita dell’individuo in modo completo e continuo. il discene dovrà acquisire la capacità di contestualizzare problemi e soluzioni attraverso salde competenze cognitive, civiche e relazionali. Prevenire comportamenti a rischio per la costruzione del benessere con se stesso, con gli altri, con l’ambiente. Mettere in sinergia le Istituzioni, le Associazioni e le altri parti sociali interessate, in un percorso di convergenza verso la Scuola.

IL TUO SOSTEGNO È IMPORTANTE

con il tuo voto darai la possibilità a questo progetto di crescere


8 voti raggiunti

Descrizione completa: Negli ultimi anni si sono sviluppate nei giovani delle dipendenze patologiche relative a comportamenti e relazioni disfunzionali e problematici riferiti ad Internet, oggetti, attività, stili di vita, gestione del tempo, consumi, auto percezione, stili di attaccamento, vulnerabilità, difficoltà relazionali, rapporto con la realtà e con il mondo esterno. Tutte forme di attaccamento riconducibili ad un alterato rapporto con la realtà e con il mondo esterno, riscontrabili nella dipendenza da , da internet,cellulari e videogame. Secondo una ricerca di Skuola.net, realizzata per la Polizia di Stato, su un campione di circa 4.000 studenti di scuole medie e superiori, 2 studenti su 3 affermano che le proprie competenze digitali provengono in tutto o quasi da esperienze di apprendimento extra scolastico. Solo l’8% degli intervistati attribuisce alla scuola un ruolo fondamentale nell’alfabetizzazione informatica. Da questi dati si evince l’importanza delle attività di formazione e sensibilizzazione sull’uso consapevole della rete. I social network sono ormai diventati uno strumento di comunicazione del tutto integrato nella quotidianità dei teenager. Preoccupa in maniera più forte il fenomeno del bullismo e cyberbullismo: circa 2 ragazzi su 3 ritengono che fenomeni di questo tipo siano in aumento. Infatti la metà di loro ha avuto esperienza diretta o indiretta di fenomeni di questo tipo. Lo sviluppo esponenziale delle nuove tecnologie, sempre più diffuse, ha notevolmente contribuito a trasformare non solo la comunicazione all'interno della società, ma ha anche determinato una modificazione degli stili di vita e dei comportamenti individuali influenzando le scelte soggettive e della collettività. La trasversalità sociale, culturale, generazionale delle nuove dipendenze e la loro pervasività nella vita di uomini e donne, anche di diversa estrazione sociale, testimoniano non solo la loro veloce diffusione nell'ultimo decennio, ma anche e soprattutto la loro potenza pericolosità, specie nei confronti dei bambini e dei giovani, per la loro intrinseca vulnerabilità più esposti a rischi di diversa natura. Le predette dipendenze tendono a manifestarsi e svilupparsi soprattutto in età adolescenziale (è evidente, quindi, che i maggiori sforzi di tipo preventivo vanno fatti in questa fase della vita di una persona) ; da dati di fatto supportati da studi effettuati sulla popolazione europea di preadolescenti ed adolescenti. Una problematica complessa richiede dunque un approccio complesso, sistemico e multidisciplinare basato sull’alleanza terapeutica, la capacità di sviluppare una relazione di fiducia, di rispetto e di collaborazione, finalizzata alla soluzione di problemi e difficoltà nel trattamento.

http://etesiaonlus.blogspot.com/

CONDIVIDI IL PROGETTO SUI TUOI SOCIAL