Istituto Ganassini sostiene l’arte e apre le porte di Palazzo Reale a tutta la cittadinanza

Vi aspettiamo il 12 Luglio dalle 9 alle 19.30 per un tour gratuito della Mostra ‘Il meraviglioso mondo della natura’ a Palazzo Reale per ammirare gli schizzi di Leonardo da Vinci fino alla Canestra di frutta di Caravaggio.

In Italia vi è uno sterminato patrimonio culturale, non quantificabile numericamente in improbabili statistiche, come troppo spesso succede.
I beni culturali sono storiche «testimonianze di civiltà» fisicamente presenti in mezzo a noi.
Ci ricordano lo scorrere del tempo e ci offrono le radici per capire la nostra stessa identità di persone viventi nel flusso incessante della storia. Il nostro patrimonio culturale, archeologico, architettonico, storico- artistico, librario, è composto da un eterogeneo insieme di oggetti deperibili che richiedono grande attenzione, con interventi costanti di manutenzione ordinaria e progetti di restauro ben coordinati.
Abbiamo bisogno di tramandare questi oggetti preziosi ai posteri, lo impone l’art. 9 della Costituzione della Repubblica Italiana.
Una delle componenti essenziali della conservazione dei beni culturali è rappresentata dal restauro che è un intervento diretto sui beni.

In Italia vi è uno sterminato patrimonio culturale, non quantificabile numericamente in improbabili statistiche, come troppo spesso succede.
I beni culturali sono storiche «testimonianze di civiltà» fisicamente presenti in mezzo a noi.
Ci ricordano lo scorrere del tempo e ci offrono le radici per capire la nostra stessa identità di persone viventi nel flusso incessante della storia. Il nostro patrimonio culturale, archeologico, architettonico, storico- artistico, librario, è composto da un eterogeneo insieme di oggetti deperibili che richiedono grande attenzione, con interventi costanti di manutenzione ordinaria e progetti di restauro ben coordinati.
Abbiamo bisogno di tramandare questi oggetti preziosi ai posteri, lo impone l’art. 9 della Costituzione della Repubblica Italiana.
Una delle componenti essenziali della conservazione dei beni culturali è rappresentata dal restauro che è un intervento diretto sui beni.

«Si tratta di una mostra affascinante. Le cosiddette tele del Grechetto allestite in Sala delle Cariatidi sono stupefacenti, e quel che è ancora più straordinario - ha sottolineato il sindaco Sala - è che sono patrimonio di tutta la città. Auspico che tanti cittadini le possano vedere e che possano partecipare al loro restauro: un intervento necessario per salvaguardare un’opera che costituisce un unicum in tutta l’arte europea».

Vi aspettiamo il 12 Luglio dalle 9 alle 19.30 per un tour gratuito della Mostra ‘Il meraviglioso mondo della natura’.

Voi fare la tua parte? Contribuisci al restauro del Ciclo di Orfeo IBAN





ISTITUTO GANASSINI DONA UN LIBRO DEL 1597 DEL PROF. TAGLIACOZZI ALL’UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

Gaspare Tagliacozzi o Tagliacozzo (Bologna, Marzo 1545 - Novembre 1599) è stato un chirurgo italiano, antesignano della chirurgia plastica e ricostruttiva.

Dal 1570 tenne la cattedra di Chirurgia all’Università di Bologna, e nel 1590 divenne lettore di anatomia.

Nel 1597 pubblicava il trattato chirurgico “De curtorum chirurgia per insitionem”, in cui con parole precise e disegni accuratissimi descriveva e codificava un metodo chirurgico non solo per la ricostruzione del naso, ma anche di altre parti del volto come labbra e orecchie.

Tale trattato rappresenta in tutto il mondo il testo capostipite di tutta la chirurgia plastica, ancora oggi apprezzato e frequentemente consultato.

Il testo “De Curtorum Chirurgia per Insitionem” è stato recentemente messo in vendita dal proprietario, tramite una libreria antiquaria di Torino.

La città di Bologna, non possedendo i fondi necessari per l’acquisto del testo, si vede privata di un enorme valore storico-culturale.

Il 18 giugno 2019, l’Istituto Ganassini, da sempre attento a coniugare qualità e tradizione con Scienza e Tecnica, ha donato l’opera alla comunità scientifica universitaria bolognese, coinvolgendo Il Magnifico Rettore, Francesco Ubertini, Il Professore Giovani Moselli di chirurgia plastica della Facoltà di Medicina e il Professore Nerozzi direttore della biblioteca universitaria di Bologna.

“Questa donazione si inserisce in un programma di Corporate Social Responsibility in cui crediamo molto e per il quale investiamo tempo e risorse a sostegno di realtà sociali impegnate nella tutela dell’ambiente, nella ricerca, nel sociale e nell’arte” afferma Giuseppe Ganassini, CEO dell’azienda “Oltre alla donazione all’Università di Bologna, ad esempio, abbiamo indetto un bando #SOSTIENICULTURA aperto a tutte le Onlus italiane che si occupano di progetti a tutela del patrimonio italiano, come risorsa strategica per lo sviluppo sociale ed economico e per l'educazione alla diversità.

Le Onlus potranno candidarsi fino al 29 novembre 2019 e i progetti potranno essere votati da tutti. Al termine del bando le 10 Onlus più votate passeranno al vaglio della giuria che valuterà il progetto più meritevole di ricevere una donazione di 5.000€”.

“Siamo e vogliamo essere riconosciuti come una realtà etica” conclude Ganassini “e queste attività fanno parte della promessa che ogni giorno facciamo ai nostri stakeholder”.





ISTITUTO GANASSINI E
L’ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA

Istituto Ganassini ha deciso di unire le proprie forze a quelle dell’Accademia delle Belle Arti di Brera per lo sviluppo di “La Bellezza è Solidarietà”, un progetto sociale a favore della Onlus Guri I Zi capace di plasmare l’arte in strumento di solidarietà tra le donne. Alcune artiste dell’Accademia delle Belle Arti di Brera hanno realizzato dieci opere, testimoni dell’impegno profuso verso le donne vulnerabili albanesi, un’unione solidale capace di rendere consapevole qualsiasi donna della propria bellezza e dignità.

www.accademiadibrera.milano.it

scopri il progetto

scopri l'evento